Quando il Festival si faceva a Velletri…

pallavolo maschile Puntovolley
Puntovolley Libertas trionfa nel derby con la Pallavolo Albano
9 febbraio 2018
Velletri danneggiare corona
Danneggiate stanotte le corone per le vittime delle foibe 
11 febbraio 2018

Quando il Festival si faceva a Velletri…

Festival Velletri musica

Ebbene si, forse per i più giovani è difficile da credere, eppure è vero: il Festival della musica italiana si faceva a Velletri. Fu una iniziativa nata nel 1953, due anni dopo la nascita del festival sanremese, in concomitanza con la festa carnascialesca locale. L’obbiettivo era da un lato riscattare la città dalle disastrose conseguenze della Seconda Guerra Mondiale e dall’altro valorizzare le numerose iniziative locali, come la Biennale organizzata dalla Scuola d’Arte “Juana Romani”.

Festival Velletri musicaIl “Festival di Velletri” durò nove anni, nei quali riuscì a fare vera concorrenza al festival ligure, fino al 1961, quando lo scarso interesse della RAI decretò la fuga degli sponsor e difatto il conseguente tramonto della manifestazione. Ma per nove anni ebbe il privilegio di premiare i migliori rappresentati della canzone italiana e godere della partecipazione di artisti di grande successo, come: Jimmy Fontana, Claudio Villa, Nunzio Gallo e Nilla Pizzi, che vinse l’edizione del 1957 con “Dicembre mi ha portato una canzone“. Nel novero degli ospiti figurarono anche molti altri personaggi celebri, come Gianni Morandi, Enzo Tortora e Corrado.

Un periodo in cui il Teatro Artemisio, luogo in cui si svolgeva la manifestazione, si riempiva fino ad esaurire i posti…e non solo! Per poter rendere partecipi anche gli “esclusi” venivano installati per la città degli altoparlanti. A decreatarne la fine, oltre lo scarso interesse della RAI, fu sia l’esoso aumento dei costi e sia lo scandalo sulla manipolazione dei voti. E’ doveroso però ricordare questo importante pezzo di storia veliterna, per non dimenticare il valore di una città che ha un patrimonio storico, artistico ed architettonico immmenso.

Davide Brugnoli