Felci (CasaPound) chiede chiarezza in merito alla Zona Artigianale

velletri parcheggi pagamento
Parcheggi a pagamento, continua il selvaggio aumento delle strisce blu
6 ottobre 2017
Velitrum buona la prima in casa.
9 ottobre 2017

Felci (CasaPound) chiede chiarezza in merito alla Zona Artigianale

A cura di Gabriele Rosatelli

Ce la faranno i nostri eroi a portare a termine il progetto della zona artigianale?
La risposta è quantomeno complicata e nonostante l’apertura del bando per l’assegnazione dei posti, le lettere di esproprio spedite ai proprietari dei terreni in località Acqua Vivola e la volontà, da parte dell’amministrazione, di attuare finalmente quello che da anni rappresenta uno dei punti cardine del proprio programma, la situazione sembra in fase di stallo.

È Paolo Felci -referente comunale di CasaPound Italia– ad aver alzato il polverone sulla questione: dalla sua pagina Facebook, infatti, emerge il grido di denuncia dei proprietari di zona. Queste persone, di fatto, si ritrovano completamente paralizzate, vista l’impossibilità di vendere la terra da anni a causa della destinazione prevista dal Comune di Velletri e visto il clima di incertezza nel quale vivono, a causa di continui ripensamenti riguardo l’attuazione del progetto.
Contattato dalla nostra redazione, Felci ci dà maggiori informazioni a riguardo, spiegando che gli organi comunali hanno giustificato i ritardi con uno scarso numero delle di domande di partecipazione al progetto, determinandone, di fatto, il blocco.
Al problema iniziale se ne aggiunge un altro non da poco, continua a spiegarci Felci, ossia il possibile ritiro di un finanziamento di 1.800.000 euro erogato dalla Regione Lazio per la realizzazione dell’area artigianale. Se entro il 30 novembre le adesioni non dovessero essere sufficienti, infatti, il corposo finanziamento stanziato verrebbe meno ed i problemi si moltiplicherebbero inevitabilmente.

Cittadini, finanziamenti ed economia veliterna attendono con ansia gli sviluppi della faccenda.