Al “Juana Romani” presentato il nuovo rapporto di Velletri 2030

pronto soccorso paolo colombo velletri
Disagi senza fine per il “Paolo Colombo” di Velletri; pazienti e sindacati sul piede di guerra
15 maggio 2017
TOUKON KARATE VELLETRI
Domenica di podi per il Toukon Karate al Trofeo FIJLKAM
15 maggio 2017

Al “Juana Romani” presentato il nuovo rapporto di Velletri 2030

velletri 2030

A quattro anni di distanza, sabato 13 maggio presso il Polo Espositivo ”Juana Romani”  è stato presentato il nuovo rapporto di Velletri 2030, Associazione culturale apartitica ed apolitica, che, come fatto presente dal Presidente Sandro Bologna nel discorso di presentazione, opera cercando di effettuare una valida analisi del presente affinché sia possibile intravedere il futuro più vicino a noi,  scoprendo la direzione verso la quale la società si è incamminata. 

velletri 2030I nostri comportamenti sono radicalmente differenti rispetto al passato, volenti o nolenti siamo protagonisti di queste trasformazioni e saperle leggere ed affrontare è lo scopo che l’ Associazione si è posta.

Nel pomeriggio primaverile di una Velletri calda ed assolata va in scena l’appuntamento che ha visto riunirsi molte delle persone che compongono la spina dorsale della cittadina dei Castelli Romani. Con Ezio Tamilia come moderatore, al microfono si sono susseguite figure come l’avvocato Guidaldi, il prof. Dibennardo, il prof. Tagliaferri e tante altre, che con professionalità e dedizione hanno illustrato alla sala i loro studi pubblicati sull’edizione 2017 del documento di Velletri 2030.

I temi affrontati hanno coperto un vasto raggio, dall’agricoltura alla rivoluzione digitale, dal concetto di economia circolare al commercio, dall’istruzione al turismo. 

La sfida è stata quindi lanciata dall’Associazione, i propositi e gli obiettivi sono stati segnati ed all’interno del rapporto sono indicate anche le strade per raggiungerli. 

Le idee ed i progetti ci sono, ora la palla passa alle istituzioni, che con l’aiuto degli esperti dovranno realizzarli affinché l’ultima chiamata verso il futuro non rimanga inascoltata.

Gabriele Rosatelli